“Guidare l’azienda all’innovazione: il ruolo del management”

Dario Resnati – Chief Innovation Officer, BNP Paribas Securities Services

BNP Paribas Securities Services Chief Innovation Officer, Chief Innovation Officer di BNP Paribas Securities Services dal 2011. In questo ruolo ha il compito di gestire metodologie volte all’innovazione per BNP Paribas Securities Services Worldwide, riportando direttamente al CEO a Parigi. Ha sviluppato la sua intera carriera nel mondo IT e per BNP è tutt’ora in carica come Capo IT della sede di Milano, dove guida lo sviluppo e l’implementazione di nuove soluzioni IT, promuove una cultura orientata al cliente, una performance orientata alla qualità e al risultato e dove ha introdotto l’uso della metodologia “agile”. La sua forte passione per l’innovazione e la creatività lo ha spinto a specializzarsi nel “Creative Problem Solving”, nelle metodologie di “Mind Mapping” e “6 hats”, acquisendo certificazioni riconosciute a livello internazionale. Ha fondato e diretto dal 1999 al 2006 la prima catena italiana di healthy food, Jungle Juice ltd srl. Laureato in Informatica presso l’Università degli Studi di Milano, ha conseguito il Master in Innovation Management presso il Sole 24 ore Business School.

Febbraio 13, 2015 12:00
Categoria:

Descrizione

L’innovazione è una delle leve principali della crescita organica di un gruppo. Per innovare oggi non basta introdurre soluzioni tecnologiche all’avanguardia, seguire le best practices di aziende modello o fare ricerca e sviluppo in singole aree di business. È necessario un approccio innovativo trasversale. Per poterlo fare è nata in molti grandi gruppi la figura del Chief Innovation Officer.
Cosa fa e quali risultati ottiene?
In questa sessione verrà presentato il caso del settore finanziario con l’intervento del CIO di BNP Paribas Security Services, Dario Resnati.
Il relatore si concentrerà su tre principali ambiti toccati dall’innovazione in BNP: 1. Il management: coinvolgere at
tivamente direttori e middle management per rendere l’innovazione meno “rischiosa”;
2. L’aspetto psicologico (e neuro-scientifico) dell’innovazione;
3. La cultura aziendale: trasformare l’approccio alle eventuali problematiche, non tollerare resistenze al cambiamento, accrescere la consapevolezza interna.
Per ciascuno dei punti verranno dati esempi concreti, confrontando problemi riscontrati e risultati ottenuti. Alla presentazione seguirà il consueto dibattito con i partecipanti.