“La trasformazione digitale a supporto della strategia di business: il caso UniCredit”

Massimo MilantaChief Information Officer & Chief Security Officer, UniCredit

UniCredit Chief Information Officer & Chief Security Officer, Nato a Genova nel 1963 e laureato in Ingegneria Elettronica con specializzazione in Informatica presso l’Università di Genova, Massimo Milanta ha intrapreso la sua carriera professionale nel 1989 presso Andersen Consulting (oggi Accenture), dove ha gestito per anni progetti di ICT e in particolare attività di sviluppo di soluzioni per l’area “online banking”. Nel 1999 ha iniziato la sua lunga collaborazione con UniCredit e nel 2000 è stato nominato Partner di Accenture, ricoprendo diversi e importanti incarichi, tra cui responsabile dell’Architettura tecnica per i mercati finanziari in Italia, Europa dell’Est, Grecia, Turchia e Medio Oriente e di tutte le attività IT di UniCredit. Nel 2004 è entrato a far parte di UniCredit Global Information Services come Responsabile del Nuovo Programma di integrazione IT in Europa e, dopo la fusione con il Gruppo HVB, è diventato Responsabile di UniCredit per l’integrazione ICT nella Divisione GBS, coordinando il Programma di Integrazione ICT del Gruppo. Nel 2009 è stato nominato Amministratore Delegato di UniCredit Global Information Services e dal 2012 al 2014 è stato Direttore Generale di UniCredit Business Integrated Solutions, la società globale di servizi del Gruppo, dove attualmente è membro del Consiglio di Amministrazione. Dal 2007 ricopre la carica di Group Chief Information Officer di UniCredit, affiancata nel 2015 a quella di Chief Security Officer.

Luglio 23, 2015 12:00
Categoria:

Descrizione

Parlare oggi di trasformazione digitale significa individuare e mettere a frutto le capacità sempre più estese della tecnologia IT – dai Big Data al Cloud, passando da interfacce uomo-macchina sempre più intelligenti – all’interno dei modelli di business tradizionali, per ridisegnarli e trasformarli secondo un approccio innovativo. UniCredit racconta quali sono le priorità per declinare concretamente gli obiettivi dell’agenda digitale nel business: 1.Trasformare ed estendere i canali e le modalità di interazione con i clienti, realizzando l’eccellenza nell’esperienza del cliente con la banca; 2.Adottare un modello data-driven, utilizzando i dati in modo estensivo per migliorare la comprensione del cliente ed elaborare proposte commerciali personalizzate e temporalmente mirate alle necessità; 3.Ridefinire i processi di vendita e il modello di servizio in ottica digitale, seguendo il criterio del “paperless” e le logiche dell’automazione avanzata.