“Traditional advertising e new media: le prospettive future del settore media”

Dominic Grainger – CEO, GroupM EMEA

GroupM EMEA CEO, Dominic Grainger ricopre la posizione di Chief Executive Officer di GroupM Europa, Medio Oriente e Nord Africa per il gruppo GruppoM Worldwide, Inc. da Ottobre 2008, di cui è stato Amministratore Delegato fin dal Gennaio 2006. Mr. Grainger prima di ricoprire la carica attuale è stato Amministratore Delegato EMEA di Mediaedge: CIA Worldwide Ltd da Marzo 2006. Ha iniziato la sua carriera presso Price Waterhouse nel 1987, dove si è occupato di circa 100 aziende e multinazionali FTSE specializzate in fusioni e acquisizioni in Europa. I suoi clienti appartenenti al mondo Advertising comprendevano CIA Group (poi Tempus Group PLC), ancor prima che iniziasse ad espandersi con acquisizioni in Europa nel 1993. La sua carriera pubblicitaria è iniziata nel 1997, quando entra a far parte della CIA in qualità di Chief Financial Officer di CIA Europe, e dove viene fortemente coinvolto nella costruzione e nel successivo consolidamento della rete europea. Ha poi ricoperto la carica di Chief Operating Officer dal 2001, momento in cui la CIA ha iniziato ad espandersi a livello globale. A seguito della fusione della CIA con The Media Edge nel 2002, ha ricoperto il ruolo di Amministratore Delegato di MEC Europa, Medio Oriente e Africa. Ad oggi è membro del Consiglio di Amministrazione EMEA di Xaxis, LLC.

Dicembre 1, 2016 17:00
Categoria:

Descrizione

Dominic Grainger è CEO della regione EMEA di GroupM, agenzia pubblicitaria leader al mondo, a cui fa capo la sua galassia di centrali media targate Wpp. Coerentemente con lo spostamento del baricentro della industry pubblicitaria verso la tecnologia, Mr. Grainger condividerà con noi le prospettive future del settore media. Dal potere di coinvolgere il cliente in modo più efficiente ed efficace attraverso le nuove tecnologie, alla capacità di creare risultati di marketing desiderati. Dall’impatto sulla percezione dei consumatori alla limitata trasparenza. Dall’importanza che i dati stanno sempre più acquisendo, alla trasformazione che l’utilizzo del programmatic apporterà al settore advertising.